• Consulenza Aziendale

PROROGATI I TERMINI PER IL BANDO ISI-INAIL 2020: LE NUOVE DATE USCIRANNO IL 30 MAGGIO.


A seguito dell'emergenza sanitaria da COVID-19 il bando ISI-INAIL per il 2020 subirà un significativo slittamento delle scadenze: le nuove date saranno rese pubbliche il 30 maggio 2020.

Intanto vediamo qual'è la finalità di questo bando che prevede un intervento a fondo perduto pari al 65% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 130.000 euro: incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché incentivare le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.


I soggetti destinatari dei finanziamenti sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura e, per l’asse 2 di finanziamento anche gli Enti del terzo settore.


Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 5 Assi di finanziamento: - Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale – Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2); - Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2; - Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3; - Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4; - Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli -Asse di finanziamento 5 (sub Assi 5.1 e 5.2).

SPESE FINANZIABILI Macchinari, attrezzature, dispositivi vari (nuovi di fabbrica): es. piattaforme aeree, carrelli elevatori, movimentatori e sollevatori telescopici (muletti, bobcat, merli, ragni, pale, gru leggere/gru a struttura limitata, argani, paranchi, manipolatori, ecc.), robot/robot collaborativi, sistemi automatici di alimentazione; Impianti di aspirazione e captazione gas, fumi, nebbie, vapori o polveri; Rimozione eternit (smaltimento amianto); Pavimentazione (es. antiscivolo, antisdrucciolo, ecc.); Trattori agricoli e macchine agricole o forestali.

Sono ammesse a finanziamento le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza, nonché le eventuali spese tecniche, così come previsto dall’Avviso Pubblico. Le spese devono essere sostenute dall’impresa richiedente i cui lavoratori e/o il titolare beneficiano dell’intervento e devono essere documentate.

27 visualizzazioni0 commenti